Modulo 1 di 5

Infanzia e Adolescenza

Quali memorie all'origine dei Disturbi Funzionali nell'Adulto?

  • Ruolo epigenetico dalla matrice materna e delle fasi della prima infanzia: fase nutrizionale (apprendimento del gusto) e motoria (controllo degli sfinteri e del movimento)
  • Derive pulsionali di queste due fasi nell’adulto
  • Derive pulsionali della fase genitale (scoperta del genere) negli adulti e somatizzazioni associate
  • Adolescenza ed espressione dell’identità di genere
  • Impatto delle pulsioni familiari sulla maturazione ipotalamica del bambino
  • Memoria della metamorfosi pubertaria
  • Le memorie “tossiche” al cuore dei disturbi funzionali negli adulti (disturbi muscolo-scheletrici, respiratori, cardiaci…)
  • Lavori pratici e applicazioni nell’esercizio della professione

Modulo 2 di 5

Pulsioni Adulte e Interazioni Sociali

Impatto sull'Autoregolazione Cellulare

  • Presentazione delle memorie pulsionali che orientano le relazioni umane e le comunicazioni uomo-donna
  • Identificazione dell’impatto di pulsioni specifiche sul comportamento adulto per superare automatismi profondi all’origine di numerose somatizzazioni
  • Presentazione delle memorie pulsionali legate ai vincoli dell’educazione che orientano i comportamenti sociali
  • Analisi dell’integrazione corticale delle memorie pulsionali che permette di identificare i conflitti all’origine di alterazioni comportamentali diverse e di precisi disturbi funzionali
  • Lavori pratici e applicazioni nell’esercizio della professione

Modulo 3 di 5

La Voce, espressione della propria Identità

Ascolto e Proiezione

  • Identificare le correnti vitali perturbate e l’impatto dei diversi stress sulla vitalità del paziente/cliente tramite l’ascolto delle differenti modulazioni della voce
  • Presentazione delle ricerche condotte sulla voce per riconoscerne le modulazioni
  • Presentazione dei protocolli per migliorare la dinamica dell’apparato vocale e affinarne le sonorità
  • Lavori pratici e applicazioni nell’esercizio della professione

Modulo 4 di 5

Organizzazione della Materia: dalle Particelle all'Organismo Umano

Emissioni Fotoniche e il ruolo delle Acquaporine nella Comunicazione Cellulare

  • I costituenti della materia, le energie deboli e forti: dall’atomo ai quark ai bosoni
  • Ruolo dell’acqua e dei canali della membrana (acquaporine) che amplificano la comunicazione nell’organismo
  • Presentazione dei plessi organici e delle loro emissioni fotoniche
  • Relazione cuore-cervello nella maturazione cognitiva e somatizzazioni associate
  • Ruolo delle cellule gliali (astrociti) nella dinamica cerebrale: studi di alcuni disturbi neurologici.
  • Lavori pratici e applicazioni nell’esercizio della professione (valigetta completa delle IAQP non fornita)

Modulo 5 di 5

Test preziosi per la Pratica della Nutripuntura e i Protocolli della Nutripuntura

Il Consulto con il Paziente e i Protocolli della Nutripuntura Associativa (NA) e della Nutripuntura Sequenziale (NS)

  • Fornire al professionista punti di riferimento affidabili per un consulto di successo, per identificare le perturbazioni del terreno del paziente e orientarsi rapidamente nella sua complessità psicosomatica
  • Sintesi delle molteplici applicazioni del metodo utilizzando schede tematiche, che aiutano a svolgere in modo ottimale un consulto di Nutripuntura ponderato sulla base dell’età del paziente, al suo terreno informazionale e degli eventi cruciali della sua vita
  • Lavori pratici e applicazioni nell’esercizio della professione
  • I Corsi di Formazione 2021 LIVELLO 2

    Scopri il calendario dei prossimi corsi, dove si terranno e come riservare la tua partecipazione.

  • VAI AL CALENDARIO

Uno Sguardo alle Esperienze Precedenti

Le Testimonianze dei Partecipanti